C’è un mio caro amico che ha un particolare dono per i parcheggi. Dire che trova facilmente parcheggio sarebbe sottovalutare le sue capacità. Tipicamente mentre si sta avvicinando alla meta qualcuno spontaneamente decide di liberare il posto macchina più vicino e lasciargli riporre la sua Golf nel sito più comodo. Ma lo stesso evento si è ripetuto in altre occasioni, e non sempre con automobili, ma anche con imbarcazioni. E’ sufficiente la sua presenza per trovare alloggio al mezzo di trasporto in cui si sta viaggiando. Sapendolo, lo si invita molto volentieri e dargli un passaggio diventa un piacere.

Ieri sera mi sono illuso che, dopo tanto tempo che lo frequento, mi avesse passato per osmosi almeno parte dei suoi poteri. Ero stato invitato da una coppia di cari amici per una cena in via Tadino, parallela a Corso Buenos Aires. Un po’ in anticipo ho imboccato la via, pronto al consueto quarto d’ora di ricerca di un posto. Non è possibile immaginare il mio stupore quando, proprio davanti al portone dei miei ospiti ho intravisto uno splendido posticino, fatto su misura per la mia Clio. Immediatamente mi sono installato, tronfio del colpo di fortuna e ho spento con soddisfazione la mia vettura pronto ad una piacevole serata.

La cena è trascorsa tra frizzi e lazzi, risate e discorsi, e verso mezzanotte e mezza ho salutato tutti, baci e abbracci, e sono sceso, cappotto alla mano, per fare ritorno a casa. La vista era un pochino annebbiata, il vino mi tendeva una patina smerigliata sugli occhi, ma appena uscito dal portone ho intravisto una macchietta bianca, della grandezza di una mano sul parabrezza della cara Clio. Avvicinandomi si è rivelata un foglietto. Avvicinandomi ulteriormente ho capito che si trattava di una multa. Solo 35 euro, non 55 come avevo letto in un primo momento, subito corretto dallo zelante vigile ancora sul luogo della contravvenzione.

Gli dei mi hanno punito. Ho peccato di tracotanza arrogandomi il diritto di parcheggiare davanti a casa come il sommo e ho avuto il giusto castigo. Gli dei questa volta sono stati benevoli con me, punendomi ma senza infierire. Ho capito la lezione. Non lo farò più.

Annunci