Quando la normalità del lavoro non porta emozioni di sorta, è compito dei pochi periodi di vacanza di stravolgere pensieri, emozioni e convinzioni. E così, nel giro di poco più di una settimana di astinenza dall’ufficio ne sono successe di tutte e di più, quasi a ricordarmi che la vita non è una routine qualsiasi, prevedibile come lo scudetto della Juve, ma può presentare sorprese con cui è imperativo confrontarsi.

E non è sempre facile estrarre dalla cartella le risposte che si sono formulate ed archiviate quando le domande erano lontane ed improbabili. Quando i problemi sono altrui sono sempre semplici ed immediate le risposte, ben diverso è esserne travolti e dover raggiungere la salvezza in qualche modo. E chi mai immaginerebbe che la tempesta arrivi proprio durante la tranquillità dei giorni di vacanza?

Domani è un altro giorno. E sono di un giorno più vecchio, ma anche di un giorno più saggio. I ricordi, le esperienze, le emozioni fanno parte di me e mi accompagnano e costituiscono un curriculum vitae segreto molto più intimo ed importante di quello che presento ai colloqui.

Annunci