Sull’onda di un tendenzioso articolo del LA Times, nelle ultime 48 ore si sono susseguite voci insistenti della imminente uscita di un PC a bassissimo costo, prodotto da Google e venduto dalla catena statunitense Walmart al prezzo irrisorio di 200$. Tutti i maggiori siti di informazione e tecnologia hanno fatto eco alla notizia negli ultimi due giorni: Slashdot, OsNews, The Register, ma anche CNet news, Corriere, Repubblica sono tutti cascati nel finto annuncio, ovviamente smentito dai diretti interessati.

Non era certo necessario un analista di mercato per capire che è quantomeno troppo presto per un’entrata di Google nel già difficile settore dell’hardware dominato da colossi quali Dell o HP. Senza contare che l’annuncio prevedeva anche una sorta di GoogleOS, un sistema operativo completamente nuovo (o, come alcuni speravano, basato su Linux) che avrebbe introdotto una fattore di complessità ancora superiore.

Credo che gli occhi si siano illuminati a tutti per un momento, ma la realtà è che nemmeno Google in questo momento ha le possibilità di intervenire così pesantemente nella cultura informatica, anche se non è escluso che un giorno intraprenda questa via. Quello che è certo è che Google non fa notizia solo con le novità reali, ma anche con quelle presunte e supposte, è sicuramente la Microsoft della nuova decade.

Annunci