Paul Dell, un designer di siti web, colpevole solo di avere il cognome in comune con un grosso marchio dell’informatica di consumo, è stato denunciato presso il tribunale di Parigi con l’accusa di “parassitismo e concorrenza sleale”. In pratica Dell lo accusa di sfruttare il proprio cognome per attirare clienti tramite il proprio sito web, sebbene nei contenuti del piccolo sito nulla richiami al gigante della distribuzione hardware se non il cognome di Paul. Il risarcimento richiesto a Paul è nell’ordine delle centinaia di migliaia di euro e visto il genere di inevstimenti legali che si possono permettere Dell e il signor Dell, la causa sembra più un atto di prepotenza che un vero e proprio confronto alla pari davanti alla legge.

Per supportare economicamente Paul i suoi amici hanno allestito un blog tramite il quale è possibile donare una cifra a piacimento per contribuire al sostenimento delle spese legali. Non è la prima volta che una grossa multinazionale fa la voce grossa a torto con qualcuno molto più piccolo, facendosi grande delle proprie possibilità economiche e terrorizzando con risarcimenti da capogiro. Solo un paio di anni fa Microsoft aveva minacciato Mike Rowe, reo di aver pubblicato un sito dall’assonante nome MikeRoweSoft.com. Aiutiamo Paul a vincere questa causa, creiamo precedenti in modo tale che Internet sia davvero di tutti e che tutti, indipendentemente dalla ragione sociale e dal patrimonio ne rispettino le regole!

Annunci