Attesissimo mantiene le promesse di intrattenimento del primo capitolo e dà continuità alle avventure del trio di animali più improbabile della cinematografia. Nonostante il doppiaggio italiano a tratti deludente -ma ormai Madagascar tiene tutti in gioco- salvato in extremis da un Bisio irriconoscibile ed in ottima forma, l’era glaciale fa ridere e sorridere grandi e piccini per quasi due ore, riuscendo a separare un paio di livelli di lettura ed incantando con nuovi personaggi che ben si inseriscono nella cumpa del primo episodio.

Il ritmo è scandito dalle vicende di Scrat, lo scoiattolo più sfigato della cinematografia, che accompagna, quasi a mo’ di coro di tragedia greca, lo svolgersi della trama, un nuovo viaggio alla ricerca della salvezza dall’incombente disgelo e dalla conseguente inondazione. Trova posto finalmente anche la vena romantica che per la Pixar non è certo un’abitudine e così due mammut, di cui una un po’ nevrotica è convinta di essere un opossum e l’altro burbero e brontolone si rivela un timodone, finiscono per incrociare le proboscidi e far vivere tutti felici e contenti.

Difficilmente un sequel soddisfa quanto o più dell’originale, questo è uno dei casi, conviene non perderselo!

Annunci