Campioni del mondo

Al termine della partita più sofferta e forse più brutta dell’Italia a questo mondiale, arriva la vittoria finale. I francesi ci rapinano subito con un rigore, ci pensa l’ottimo Materazzi a pareggiare i conti un quarto d’ora dopo. Da qui la partita italiana finisce e inizia l’assedio dei francesi che mettono alla prova la difesa azzurra in tutti i modi possibili, senza però riuscire a prevalere: le risposte italiane mancano e in un paio di episodi solamente la nostra nazionale rischia di passare in vantaggio. In questo senso purtroppo si rivede la pessima squadra che nella prima fase del torneo ci ha fatto urlare più volte allo scandalo. Nello stadio di Berlino però più di tutto vale la tenacia, la forza d’animo e la concentrazione, le stesse che non dimostra il capitano e bandiera francese Zidane che chiude la propria carriera con la maglia della nazionale con un cartellino rosso per una ingiustificabile reazione nei confronti di Materazzi. Arrivano finalmente i calci di rigore, da un certo punto in poi quasi agognati: e qui dell’Italia non sbaglia nessuno. Lontani sono gli errori del 1994 fatali con il Brasile, questa volta siamo pronti, in cinque calciano, cinque sono le reti, la Francia arriva solo a quattro. Campioni del mondo. Per la quarta volta nella storia siamo campioni del mondo. E’ un evento che va oltre la partita giocata ed il torneo, che supera lo sport e la competizione. Sognavo questo momento da tanti anni, non essendomi goduto a sufficienza la vittoria del 1982 per motivi di età. Anch’io ho potuto urlare “Campioni del mondo! Campioni del mondo! Campioni del mondo!”, grazie a tutti e 23!

Annunci