Il giorno più atteso della settimana è il venerdì. E per il giorno più atteso non può mancare la migliore delle serate milanesi, quella del Goganga, ormai un classico. Friday I’m in Love, questo è il nome dell’evento che da mesi anima i miei venerdì sera, carichi di voglia di divertirsi e dimenticarsi delle fatiche e degli stress di tutta la settimana. Ingresso libero tra le undici e mezzanotte, un paio di Negroni Sbagliato con qualcuno di conosciuto che inevitabilmente ha scelto lo stesso locale e poi tre ore di caos totale al ritmo di rock, ska, punk-rock e grandi classici della musica del secolo passato. Difficile resistere e non farsi coinvolgere nella folla impazzita finalmente libera di sfogarsi. Gli spazi sono stretti, la gente tanta, ma nonostante non passi momento in cui non si strisci contro la schiena di qualcun altro, l’atmosfera è assolutamente piacevole e rilassata, come se ci si trovasse ad una festa di vecchi amici. E alla fine forse è proprio così, l’età è quella dei nati a cavallo tra gli anni ’70 e ’80, la zona è quella milanese, se non ci si conosce personalmente di certo si ha comunque qualche esperienza passata in comune.

Friday I’m in Love. Nessuno mi può privare della mia valvola di sfogo settimanale. Vicino a casa, ampio posto auto, se no possibilità di posteggio creativo, entrata libera senza troppa coda e senza selezioni all’ingresso, cocktail a sette euro e birre a meno, tutto il rumore di cui ho bisogno per riprendermi ed affrontare il sabato, infine, last but not least, la gente giusta per fare di una serata LA serata della settimana. Non posso aspettare..

Annunci