Ovvero come rimanere delusi da una persona e sopravvivere perchè qualcun altro di inaspettato ha sorpreso positivamente.

Ho il vizio di non dare mai in prima istanza valutazioni accurate delle persone che conosco. In molti casi l’impressione immediata non è buona e tendo dunque ad estremizzare tale sensazione fino al disprezzo. Una sorta di pregiudizio, ma più precisamente un giudizio affrettato basato su pochi elementi presi a paradigma dell’intera persona. E’ difficile in seguito cambiare opinione, anche perchè spesso non me ne creo l’occasione: se ho scelto di frequentare persone che ritengo più interessanti, gli esclusi non hanno chance di riscattarsi in alcun modo se non in fortuiti casi. Allo stesso modo mi capita sopravvalutare, esaltarmi esageratamente per qualcuno per poi scoprire rapidamente, in furiose frequentazioni, che non corrisponde alla mie aspettative. Ed in questo caso la delusione è ancora più forte perchè segue un sentimento di entusiasmo, strozzandolo nel momento del suo maggior fulgore. Questi due eccessi sono probabilmente alla base del mio strano modello sociale con pochi (ssimi) rapporti davvero importanti ed una marea di relazioni con comportamento da stella cadente, non si fa in tempo a vederle che sono già sparite.

Con questo messaggio mi consacro degno allievo di Alberoni!

Annunci