In greco antico il termine significa “pilota” o più specificamente “timoniere” nel caso sia utilizzato in un contesto navale o marittimo. La radice del termine è stata poi riutilizzata in epoche recenti per vocaboli relativi all’area semantica di tecnologie avanzate, quali l’informatica o la robotica, in grado di sostituire o supportare il lavoro del cervello umano. Il nome greco originale resta però a mio parere uno dei modi più espressivi per descrivere l’attività della direzione dove con quest’ultima si intende il controllo razionale di agenti in proprio potere per il raggiungimento di un obiettivo.

A volte mi percepisco davvero come un ciberneta di me stesso, nel senso che mi sento alle prese con il controllo, più o meno razionale a seconda del momento, di mille idee, pulsioni, desideri, inclinazioni, progetti, paure, preoccupazioni, dolori, speranze. E proprio come un timoniere di una imbarcazione alle prese con un mare agitato, correggo la rotta per schivare i flutti, ammaino le vele se il vento è troppo forte, chiudo i boccaporti per evitare allagamenti. Il mestiere di controllare se stessi è probabilmente il più difficile che esista, tanto è vero che molti scelgono di lasciarsi trasportare dalla corrente, schiaffeggiare dal vento, sferzare dagli spruzzi salati di certe contingenze di vita. Ma io (“egò de”, per chi mastica il greco da orazione) amo il controllo, che esso riesca o meno, che porti ai risultati sperati o che si limiti ad uno sforzo vano: mi piace sedere al posto del comando di me stesso e valutare oggettivamente la situazione per scoprire alle scelte più vantaggiose.

A volte però c’è proprio da salire al trapezio del proprio catamarano per poter resistere alle forze della natura che si scatenano sulla fragile imbarcazione. Non sempre inoltre si tratta di agenti esogeni, ma anzi più spesso le difficoltà più ardue provengono da diverse tendenze interne a noi discordi tra loro. Pur in situazioni difficili resta però eccezionalmente interessante la vita e le opportunità che ci pone, le scelte a cui ci costringe e le indimenticabili esperienze che ci fa vivere (e con questa porgo il fianco a qualcuno..).

Annunci