E’ primavera! Ma va?, diranno i miei piccoli lettori, lo è da circa due settimane! La devi smettere di rintronarti fino a non capire nemmeno più in che stagione siamo! Ok, piccoli lettori, adesso però datevi una calmata, così può bastare! Mi sono reso ben conto che astronomicamente si era in primavera già da qualche tempo, ma certo un cambio di stagione non è tale senza il cambio di aspetto di questo pregiato blog e per motivi vari, di cui molti potranno immaginare la natura, questo non è potuto avvenire prima d’ora. Adesso però è qui in tutto il suo primaverile splendore, quindi c’è poco da fare i gradassi!

In particolare stavolta ho preso spunto, si fa per dire, da una incantevole istantanea scattata da un caro amico poco meno di un anno fa in una località francese che per motivi di privacy rimarrà ignota. Tengo a precisare che sono in possesso di un’immagine dello stesso soggetto scattata pochi secondi prima di questa dal sottoscritto, ma di qualità decisamente inferiore. I più astuti trarranno conclusioni.

Il tema portante non poteva che essere il verde della rinascita vegetale e dello sboccio delle meraviglie del mondo naturalistico. A ciò finalmente si è unito il cambio di carattere da tempo programmato, dal prediletto Verdana al fighettissimo Georgia: una scelta di campo che medito di trascinarmi dietro per diverso tempo, a dispetto di coloro che non troveranno di loro gradimento le nuove forme. Mi auguro che chi non gradirà la novità resti almeno in grado di leggere quanto scrivo, e non colga l’occasione per tradire questo blog per quello di Moccia. Buona primavera!

Annunci