Abbiamo accettato di tutto. Ci hanno calpestato la privacy in ogni modo. Ci disinformano, ci ascoltano le telefonate, scrivono le cazzate solo per vendere prodotti di qualsiasi genere, abbiamo la testa piena di sciocchezze infinite tra storie false, storie vere raccontate in modo fantasioso, versioni tendenziose e di parte. Ormai una balla più o una meno non fa differenza. In ambito medico poi ce ne hanno raccontate di ogni, ci sono studi che dimostrano tutto ed il contrario di tutto. In questo caos l’unica certezza è che socraticamente nessuno sa nulla di certo. Vista la situazione cerchiamo almeno di limitare i danni: che senso ha pubblicare un articolo dal tetro titolo “Sesso orale a rischio tumore. Certe pratiche favoriscono il contagio con il virus Hpv, responsabile di neoplasie alla bocca e alla gola”? Ma siamo impazziti? Vogliamo fare del terrorismo gratuito? Altro che quello di piazza San Giovanni! Voglio vedere tutte le nazioni schierate in una nuova “War on terror”! Questi ricercatori dell’università di Baltimora che si sono divertiti tanto a scoprire questa correlazione tra tumori e sesso non potevano farlo invece che studiarlo? Dicono che “con fellatio e cunnilingus, praticati con più partner, si può trasmettere il virus del papilloma umano (Hpv) e che l’Hpv rappresenta un fattore di rischio per lo sviluppo di queste neoplasie”: se andiamo avanti con la catena delle possibilità e dei fattori di rischio potremmo scoprire anche che respirare in qualche modo può portare a brutte conseguenze! Tra tutte le cause che ci possono essere per seccanti malattie, e ho come la sensazione che ve ne siano di più influenti, proprio questa dovevano trovare?

Annunci