Dopo mesi di voci di corridoio, attese, anteprime e scatti rubati, finalmente ecco in tutto il suo splendore iPhone, l’ultimo exploit di Apple che entra anche nel mercato della telefonia mobile con l’eleganza e la classe a cui ci ha abituato in passato. Vorrei conoscere i responsabili marketing e comunicazione di Apple: da giorni non si parla di altro che dell’affascinante perla nera della telefonia e non passa ora senza che qualcuno parli del nuovo gioiellino della casa di Steve Jobs (che per inciso è nel mio network di LinkedIn a secondo livello di conoscenza). iPhone sì iPhone no, bello o inutile, costoso o indispensabile. Gli statunitensi si accalcano in code davanti ai negozi ufficiali pur di aggiudicarsene uno. Evidentemente in tanti hanno i 500 dollari che quest’ultima manifestazione ostentata di tecnologia costa al pubblico e soprattutto hanno voglia di spenderli in quello che a tutti gli effetti è un telefono come gli altri, seppure bello in maniera sconvolgente e pieno di tanti dindini con cui trastullarsi. Personalmente sono restio a vedere rivoluzioni ovunque e certo non mi aspetto che chi fino a ieri ha fatto fatica ad usare il telecomando dello stereo possa trovarsi bene con un oggetto come l’iPhone le cui possibilità vanno ben oltre le quattro pubblicizzate. Apple non vede l’ora di riempirci le tasche del suo nuovissimo aggeggino cantando sulle note dell’inno che fu di Microsoft secondo il quale la vita non sarà più la stessa con iPhone in mano. Sarà ancora la stessa, ma con un telefono un po’ più trendy del pataccone che abbiamo ora (Motorola, no offense, ma non c’è paragone). Caro Steve, (scusa la confidenza, ma sai al secondo livello di conoscenza su LinkedIn penso di potermelo permettere) dopo aver preso i brutti computer che c’erano negli anni 90 e averli resi un piacevole oggetto di arredamento, dopo aver preso quel catorcio del walkman e averlo magicamente trasformato in iPod che neppure la fata di Cenerentola, dopo avere preso quegli aborti di telefoni che girano ed averli trasformati in un oggetto di design, non ti riuscirebbe di avere un’idea nuova, un qualcosa che ancora non esiste, e farlo bello al primo colpo?

iPlayboy

Annunci