Una delle forme di enunciare il secondo principio della termodinamica è che è impossibile costruire una macchina ciclica che operi producendo lavoro a spese del calore sottratto a una sola sorgente. Uno dei miei professori dell’università l’ha sinteticamente riassunta dicendo che non ci sono pasti gratis, passando con questa affermazione alla storia del Politecnico di Milano. Per come conosciamo la fisica attualmente non è possibile trasformare l’energia disordinata del calore per esempio in un tipo di energia utilizzabile per i nostri scopi, senza dover pagare un pur piccolo prezzo in cambio. Si dice dunque che in un sistema chiuso, che dunque non ha scambi di energia con l’esterno, il disordine dell’energia può solo aumentare, mai dimunuire. Su questa affermazione, che ovviamente vanta una descrizione formale molto più accurata di quella che ho riportato, si fondano diverse teorie della fisica moderna e fino ad ora non è mai stata contraddetta. Addirittura il concetto è così radicato che sulla base di essa non è nemmeno consentito brevettare una macchina con tale scopo perchè si tratterebbe evidentemente di una truffa.

Steorn, una misteriosa azienda irlandese dall’attraente sito web, afferma di essere stata in grado di violare il principio enunciato in precedenza. Addirittura l’apparecchio che hanno inventato, dal criptico nome di Orbo, è in grado di produrre energia senza una sorgente: “Orbo produces free, clean and constant energy – that is our claim. By free we mean that the energy produced is done so without recourse to external source. By clean we mean that during operation the technology produces no emissions. By constant we mean that with the exception of mechanical failure the technology will continue to operate indefinitely.” Al momento la tecnologia è sotto analisi da circa un anno ad opera di una commissione di scienziati di tutto il mondo scelti da Steorn. E’ evidente che nel 99% dei casi ci troviamo di fronte ad un falso ben costruito per raccogliere l’interesse dei media, ma se non fosse così?

Annunci