Gentile laureato,
facciamo seguito alla nostra comunicazione di settimana scorsa per ricordarle il primo AperoALP della nostra Associazione – momento di incontro dove potrà ritrovare amici e colleghi ed incontrarne di nuovi per fare networking.
Ci troveremo alle ore 19.30 presso il Palo Alto Cafè in corso di Porta Romana, 106 a Milano, un locale che anima le serate meneghine e offre al suo pubblico uno spazio dinamico e raffinato, che per l’occasione ci ha riservato un’area tutta nostra.
[…]
Ci auguriamo di incontrarla giovedì 21 febbraio prossimo e le inviamo i nostri più cordiali saluti.

ALP

Milano, 19 febbraio 2008

L’ALP, Associazione Laureati del Politecnico, a cui non pago la quota di socio da sempre, mi invita a fare un aperitivo per fare networking. La prima immagine che mi viene in mente è un incontro di reduci di guerra che si ritrova a bere per dimenticare chi ha perso una gamba, chi ha perso un occhio e chi proprio non ce l’ha fatta. Ricevere questa mail a migliaia di chilometri di distanza mi fa sentire talmente estraneo all’evento che mi sembra quasi irreale. Istinti contrastanti. Ridere a crepapelle. Rispondere mandandoli a quel paese. Continuare a ridere in modo un po’ più isterico. Forse il “networking” conveniva farlo prima della laurea, magari invitando gli irremovibili baronazzi dell’ateneo ad aiutare gli studenti a capire gli strumenti di cui venivano in possesso e trovare il modo migliore per spuntarla nel tragico mondo del lavoro italiano. Forse un aperitivo al Palo Alto per condividere con altri laureati le deludenti esperienze lavorative a distanza di anni dalla laurea non è il modo migliore di dare lustro al Politecnico, a quel punto invitatemi a fumare crack dopo che educate gli studenti come se dovessero diventare i nuovi pionieri della tecnologia e poi li buttate senza protezioni nei contratti a progetto per anni. Forse mi risulta così fastidioso ricevere un invito di questo genere proprio perchè il mittente che adesso sorride porgendomi un Rossini è lo stesso che ha cercato di mettermi i bastoni tra le ruote per anni pur di mantenere la propria fama di scuola di ingegneria selettiva.

Annunci