E’ ora di calare le carte in tavola e confessare quello su cui ho riflettuto a lungo nelle ultime settimane. Purtroppo da questa parte dell’Oceano tante cose non stanno andando bene come speravo e sono giunto alla conclusione che sia bene rendersi conto di un errore prima di commetterne molti altri che possono rivelarsi difficili da correggere. Di certo questi sette mesi sono stati straordinari ma non credo di appartenere a questo ambiente e questa cultura, almeno non quanto immaginavo in prima istanza. Penso che sia giusto fare tesoro di questa esperienza che mi ha dato molto, ma l’Italia e tutto ciò che per me rappresenta sono valori insostituibili di cui non posso ancora immaginare di fare a meno. Lascerò scadere il contratto dell’appartamento qui a Vancouver e nel giro di un paio di mesi darò le dimissioni al lavoro in modo tale che non abbia da rinnovare il permesso di soggiorno e possa tornare definitivamente a Milano a fine agosto. Poi con calma, magari dopo qualche settimana a prendere il sole sulle spiagge, cercherò di capire in che direzione spingere i miei passi. Le opportunità di lavoro che posso trovare nella penisola e la florida situazione economica italiana sono altri importanti fattori che mi hanno convinto ad abbandonare il nordamerica per un ritorno sul vecchio continente che non può far altro che risvegliare diversi altri progetti messi da parte. La tranquillità e la vivibilità di Milano, unite allo splendido rapporto con la natura che la metropoli lombarda offre ai suoi cittadini, sono il miglior benvenuto di cui non vedo l’ora di godere. Non ho ancora idee su come regolarmi dal punto di vista pratico uno volta ritornato, ma penso che non dovrei fare troppa fatica a trovare una buona occupazione che valorizzi la mia esperienza e la famigliarità che ho acquisito con la lingua inglese. E se poi avessi ancora così voglia di spostarmi, ci sono così tante belle città in Italia che conosco ancora poco e che sarebbero un’ottima meta. Per esempio in questo momento mi alletterebbe molto andare a vivere a Roma, la città eterna la cui popolazione tanto mi incanta. Ma per adesso non voglio fare il passo più lungo della gamba e strafare di nuovo, la temperata estate italiana mi attende!

Annunci