Era da prima di trasferirmi da questa parte del mondo che assaporavo l’idea di lanciarmi tra le acque dei torrenti canadesi a bordo di un canotto. Finalmente l’occasione è giunta e sabato scorso in buona compagnia le gelide onde dell’Elaho si sono fatte cavalcare in una splendida giornata estiva. Squamish, distante una settantina di chilometri da Vancouver e circondata dal mare da un lato e dai monti dall’altro, è la capitale delle attività sportive estive della zona, dall’arrampicata, al mountain-biking al windsurf. Una tappa imperdibile per tutti gli appassionati. Ed è proprio da Squamish che si dipana la stretta valle dell’omonimo corso d’acqua in cui affluiscono diversi altri torrenti tutti alimentati dai ghiacciai sovrastanti.

Avendo fatto rafting in passato in Italia e sapendo a cosa andavo incontro, è stata una bella sorpresa fare parte di un gruppo che ha optato per un percorso non da principianti. I torrenti si classificano in base alla difficoltà, da classe 1, che non presenta alcuna difficoltà, fino a classe 5 che è l’ultimo stadio ancora navigabile, seppur siano presenti notevoli difficoltà e rischi. Il nostro tratto di torrente, raggiunto dopo un’oretta su una strada di montagna costruita dai taglialegna locali, comprendeva rapide di classe 4 ed è stato decisamente impegnativo da un punto di vista fisico anche a causa della temperatura dell’acqua intorno ai 4 gradi. Per dare un’idea, dopo una decina di secondi a mollo, le mani, unica parte del corpo non ricoperta dalla muta, cominciavano a dare i primi segni di congelamento. Gli incidenti non sono mancati nonostante il predicozzo iniziale delle guide espressamente volto a scoraggiare chi non se la fosse più sentita e sono fiero di affermare che alla fine della giornata il mio equipaggio è stato l’unico a non avere sofferto alcun imprevisto, purtroppo altri non sono stati così fortunati, o reattivi.

Dopo le affascinanti ore trascorse nella discesa dell’Elaho non vedo ora l’ora di ripetere l’esperienza, magari aggredendo le complesse rapide di classe 5 o addirittura tentando una variante in solitaria a bordo di un kayak.

Annunci