Tag

,

Pazza Inter. Anni di fedele attesa di questo momento in cui ogni sogno si avvera e i nerazzurri sono finalmente campioni, di tutto. Non solo l’agognata Champion’s League, ma anche Campionato e Coppa Italia, come per zittire i critici e decretare che quest’anno non ce n’è stata per nessuno, nè in Italia nè in Europa. L’inter taglia un traguardo storico strameritatamente, dominando tutte le avversarie senza lasciare possibilità di replica. Dopo aver piegato il Chelsea di Ancelotti e il Barcelona di Guardiola, l’undici di Mourinho lasciava ben poche speranze di successo al Bayern di Van Gaal e i pronostici della vigilia si sono avverati nella storica arena del Santiago Bernabeu. Non ci sono nubi sul cielo madrileño che corona il successo della squadra, dell’allenatore e della società, tutti pedine indispensabili per la conquista del magico “triplete”, mai riuscito prima d’ora ad alcun club italiano e che sigilla il ritorno della grande Inter, quella che vince.

Condottiero dei valorosi di quest’impresa è Josè Mourinho, il miglior allenatore di calcio sul panorama mondiale. Un professionista che in soli due anni è stato in grado di dare personalità al gruppo e infondere nella squadra la voglia di vincere tutti insieme. Poco spazio ha lasciato all’egoismo dei singoli, non trattenendo affatto la primadonna Ibrahimovic ed educando all’antica il giovane ribelle Balotelli. Del resto si sono occupati i giocatori che da singoli fuoriclasse si sono assemblati intorno al capitano Zanetti in un’irresistibile macchina da guerra che ha macinato qualsiasi altra squadra con la forza corale di tutti e undici, salvo espulsi. Un insuperabile capolavoro di tattica, strategia e atletica che urla la vittoria e riempie il cuore di diverse generazioni del popolo interista nel mondo.

L’Inter è Campione d’Europa. Amala.

Inter campione d'Europa

Annunci