Tag

, , , , , ,

Vancouver girl

Il Deboscio ha recentemente pubblicato sul proprio blog una lista di caratteristiche delle donne da non frequentare. Una preziosa raccolta di sapere comune condensato e pronto per il consumo. Il post originale è implicitamente tratto dal sottobosco sociale dell’area milanese, ma, seppur diversi punti siano universali, Vancouver può vantare un’ulteriore selezione di categorie specifiche del luogo e della cultura locale. Mi rendo conto che non sarà facile apprezzare alcune tipologie per chi non è familiare con Vancouver, i suoi topos e i suoi riti, ma sono sicuro di strappare almeno un sorriso a chi è uscito una sera nel circo del fine settimana downtown.

Quelle che portano gli Uggs tutti sformati

Quelle che ad un certo punto della serata restano a piedi scalzi

Quelle che vomitano ogni sabato sera su Granville

Quelle che dicono “Oh my god” e “totally” in ogni frase

Quelle che hanno la casa più disordinata della tua

Quelle che lavorano al Cactus Club/Earl’s/Joey’s dopo i trent’anni

Quelle che hanno sempre voluto viaggiare

Quelle che ti mostrano con orgoglio le cicatrici rimediate in mountain bike

Quelle che tornano sempre dalle vacanze col gesso

Quelle che mangiano solo cibi biologici

Quelle che lavorano per più di tre no-profit

Quelle che indossano la casacca ufficiale dei Canucks per uscire la sera

Quelle che mettono le foto di se stesse ubriache su Facebook

Quelle che passano i weekend tra Caprice, Republic e Barcelona

Annunci