Tag

, , , , , , ,

sunset-on

Se questo blog non viene più aggiornato molto assiduamente la causa più recente è da trovarsi nella vita famigliare che tutto avvolge, tutto assorbe e che è ben più interessante vissuta che raccontata, a meno di avere le capacità della Ginzburg.

Viviamo a Toronto da ormai otto mesi e sembra di non aver mai vissuto altrove. L’infinita capacità di adattamento dell’essere umano ha di nuovo svolto il suo ruolo di creare abitudini e routine, individuare punti di riferimento e riavviare le attività quotidiane, declinandole nello stile del nuovo ambiente. I paragoni con Vancouver si fanno sempre più rari per lasciare il posto all’esplorazione delle nuove opportunità.

Un paio di mesi fa abbiamo vissuto l’esperienza delle elezioni politiche in Canada, le prime da cittadini votanti. I liberali, con l’indiretto appoggio della sinistra, hanno sfidato i conservatori, al potere da quasi dieci anni e sempre più criticati, riuscendo a vincere la maggioranza in parlamento grazie ad un ambizioso programma economico, sociale e politico. I valori che hanno prevalso e i modi con cui sono stati promossi hanno rinnovato la mia fiducia nel sistema democratico che spesso altrove sembra così corrotto dalla mala informazione e manipolato a piacere da forze esterne.

D’altro canto l’economia canadese sta attraversando un momento molto difficile, colpita al cuore dal crollo del petrolio ed impreparata a competere in altri settori. La difficoltà si sente poco nella Milano di noialtri rispetto a province a trazione energetica come l’Alberta che ormai sono in recessione da diversi mesi. Ma, seppur in questo periodo l’attività economica non sia certo in crescita, il Canada resta un gran bel posto dove vivere ed avviare una famiglia.

Accogliente, liberale e ricco di opportunità, pur con le inevitabili a volte sorprendenti idiosincrasie, questo paese non fa mancare nulla di essenziale.

Annunci